Now loading.
Please wait.

Menu

Pozzi

HomePozzi
HomePozzi

COSTRUZIONE POZZO


L'acqua è la risorsa più preziosa per tutte le attività umane ed è spesso inaccessibile.

Per approvvigionarsene in continuo può essere necessario raggiungere le falde sotterranee che scorrono a decine o centinaia di metri sotto la superficie terrestre.

Attraverso la perforazione e la trivellazione del terreno con apposite perforatrici, si intercetta la falda e se ne determina la portata attraverso una pompa adeguata al fabbisogno idrico richiesto.

Nella Provincia di Trento l’intero processo è regolamentato dalla Carta dei Servizi e subordinato all'autorizzazione del Servizio Utilizzazione Acque Pubbliche.

TECNICA DI PERFORAZIONE


L'acqua è la risorsa più preziosa per tutte le attività umane ed è spesso inaccessibile.

Per approvvigionarsene in continuo può essere necessario raggiungere le falde sotterranee che scorrono a decine o centinaia di metri sotto la superficie terrestre.

Attraverso la perforazione e la trivellazione del terreno con apposite perforatrici, si intercetta la falda e se ne determina la portata attraverso una pompa adeguata al fabbisogno idrico richiesto.

Nella Provincia di Trento l’intero processo è regolamentato dalla Carta dei Servizi e subordinato all'autorizzazione del Servizio Utilizzazione Acque Pubbliche.

Pozzi acquiferi chiavi in mano

La costruzione di un pozzo acquifero inizia con la trivellazione del terreno a mezzo di apposita perforatrice.

Essa, supportata dall’aria compressa generata da motocompressore, spinge la colonna di perforazione ad intercettare la falda acquifera, che scorre nel sottosuolo a profondità variabile.


La posa della tubazione definitiva

Una volta raggiunta la falda si stima la quantità di acqua disponibile in funzione del fabbisogno richiesto, e si procede alla posa del tubo definitivo che costituisce la colonna del pozzo. In corrispondenza dei tratti produttivi del pozzo (falda) la tubazione posata è di tipo “microfessurato” (filtro), ovvero dotata di luci idonee a captare l’ acqua.

In corrispondenza dei tratti improduttivi il tubo è “cieco” per l’assenza delle microfessure. Tale tubazione può essere in acciaio inox o PVC certificata CE, specifica per pozzi acquiferi anche ad uso potabile se corredata da apposita certificazione.

A consolidamento della tubazione definitiva viene posato il ghiaietto siliceo drenante lavato e calibrato in corrispondenza dei tratti produttivi, che funge ulteriore da filtro per captare l’acqua chiara. Per l’isolazione del pozzo dal terreno si posa l’argilla compactonite.

A completamento può essere necessario eseguire lo spurgo del pozzo per ottenere l’acqua chiara.

Collaudo elettrico e idraulico

L’ultima operazione è effettuare l’avviamento della pompa, ovvero il collaudo elettrico e idraulico.

Per le pompe sommerse la garanzia è di 2 anni, noi prediligiamo la posa di prodotti italiani con elevato standard qualitativo e dalla durata comprovata quali Caprari e Pedrollo, ma possiamo fornire ogni marca presente sul mercato.

PER REALIZZARE UN POZZO ACQUIFERO IN PROVINCIA DI TRENTO E’ NECESSARIO OTTENERE AUTORIZZAZIONE DAL SERVIZIO UTILIZZAZIONE ACQUE PUBBLICHE E VERIFICARE SE IL COMUNE RICHIEDE D.I.A. O CONCESSIONE EDILIZIA.

Approfondisci questo argomento nella sezione “iter autorizzativo”.

Iter autorizzativo provincia di Trento

Chi si rivolge a Delta Perforazioni per realizzare un pozzo acquifero ha completa assistenza in tutta la fase autorizzativa, consuntiva a fine lavori e di collaudo.
Chi intende realizzare un pozzo acquifero nella provincia di Trento deve ottenere parere favorevole presentando domanda al Servizio Utilizzazione Acque Pubbliche della Provincia Autonoma di Trento, in piazza Fiera tel 0461/492930.
 
ATTUALMENTE STIAMO AGGIORNANDO I COLLEGAMENTI ALLA DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE. CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO. IN CASO DI NECESSITA' CONTATTACI.

La pompa

La tubazione definitiva ospita il sistema di sollevamento dell’acqua di falda e relativi accessori: spesso viene posata una pompa elettrica sommersa corredata di cordino inox di sostegno, staffa di supporto, tubazione di mandata, cavo elettrico.

La scelta del tipo di pompa è determinata caso per caso in base a: portata richiesta, portata disponibile, prevalenza.

Può essere utile effettuare delle prove di portata per conoscere le caratteristiche del corpo acquifero intercettato, nonché monitorare la prevalenza (altezza dell’acqua indisturbata) con apposito faldimetro.

MODULISTICA
Pratica tipo semplificato in caso di derivazioni ad uso domestico con portata inferiore a 0,5 l/sec


POZZO PER USO ASSIMILABILE ALL’USO DOMESTICO


- Fotocopia arta identità e codice fiscale del richiedente;
- Modulo "LRPCOM" compilato dal proprietario del fondo, con eventuale delega del coniuge o altro comproprietario;
- Copia Estratto mappa con indicazione del punto di perforazione;
_- Foto aerea della zona con specifica del punto dove verrà realizzato il pozzo (Es. Google Maps o web gis);
- Indicazione del toponimo della zona (es. le forche, la busa, i ogni...);
- Elenco particelle servite dalla derivazione, con relativa superfice, oppure P.ed. servita dal pozzo;
- Schema sintetico dell'opera di impresa e di distribuzione (basta disegnarlo su un'ulteriore copia della mappa, indicando la posizione delle spine che si pensa di installare, il punto di perforazione, la rete di distribuzione dell'acqua;
- Descrizione dell'uso (Es. Innaffiamento orto e giardino, pulizia degli attrezzi di campagna, alimentazione piscine, troticultura...).


FIRME DEL RICHIEDENTE SUI 2 MODULI QUI ALLEGATI


LRPCOM - Comunicazione preventiva uso domestico

LRPCOM - Istruzioni allegati avvertenze

LRPFL - ReLazione di fine lavori - Comunicazione uso domestico


Pratica tipo semplificato in caso di derivazioni ad uso domestico con portata inferiore a 0,5 l/sec


POZZO PER USO ASSIMILABILE ALL’USO DOMESTICO


- Fotocopia arta identità e codice fiscale del richiedente;
- Modulo "LRPCOM" compilato dal proprietario del fondo, con eventuale delega del coniuge o altro comproprietario;
- Copia Estratto mappa con indicazione del punto di perforazione;
_- Foto aerea della zona con specifica del punto dove verrà realizzato il pozzo (Es. Google Maps o web gis);
- Indicazione del toponimo della zona (es. le forche, la busa, i ogni...);
- Elenco particelle servite dalla derivazione, con relativa superfice, oppure P.ed. servita dal pozzo;
- Schema sintetico dell'opera di impresa e di distribuzione (basta disegnarlo su un'ulteriore copia della mappa, indicando la posizione delle spine che si pensa di installare, il punto di perforazione, la rete di distribuzione dell'acqua;
- Descrizione dell'uso (Es. Innaffiamento orto e giardino, pulizia degli attrezzi di campagna, alimentazione piscine, troticultura...).


FIRME DEL RICHIEDENTE SUI 2 MODULI QUI ALLEGATI


IRDP D.P.  - Acque sotterranee dichiarazione preventiva

IRDP D.P. - Istruzioni allegati avvertenze

B1 - ReLazione di fine lavori - cqua sotterranea

Richiesta autorizzativa per pozzi, per cui non sono percorribili gli Iter 1 o 2 precedenti semplificati.

Uso industriale o cmq per pozzi/fabbisogni con portate maggiori di 0,5 l/sec


POZZO PER USO ASSIMILABILE ALL’USO INDUSTRIALE


- Fotocopia arta identità e codice fiscale del richiedente;
- Modulo "LRPCOM" compilato dal proprietario del fondo, con eventuale delega del coniuge o altro comproprietario;
- Copia Estratto mappa con indicazione del punto di perforazione;
_- Foto aerea della zona con specifica del punto dove verrà realizzato il pozzo (Es. Google Maps o web gis);
- Indicazione del toponimo della zona (es. le forche, la busa, i ogni...);
- Elenco particelle servite dalla derivazione, con relativa superfice, oppure P.ed. servita dal pozzo;
- Schema sintetico dell'opera di impresa e di distribuzione (basta disegnarlo su un'ulteriore copia della mappa, indicando la posizione delle spine che si pensa di installare, il punto di perforazione, la rete di distribuzione dell'acqua;
- Descrizione dell'uso (Es. Innaffiamento orto e giardino, pulizia degli attrezzi di campagna, alimentazione piscine, troticultura...).


FIRME DEL RICHIEDENTE SUI 2 MODULI QUI ALLEGATI


ARP - Domanda concessione Acqua sotterranea

ARP. - Istruzioni e avvertenze

Linee guida perizia idrogeologica

POZZI AGRICOLI E NON AGRICOLI


- Regolamento urbanistico per pozzi agricoli e non agricoli a cura di tecnico abilitato (perito agrario/geom/perito/ing/geol/arch purchè iscritto all'albo) nel comune interessato dall'opera.

- Documento ufficiale del Decreto ministeriale N°174 della Gazzetta Ufficiale.
Caratteristiche dei materiali x pozzi che hanno come uso dell'acqua il consumo umano. Documento esplicativo sull'iter per la rovincia di Trento. dico referente, tipo analisi che richiedono ecc..


Regolamento urbanistico per pozzi agricoli e non agricoli

Documento ufficiale del Decreto ministeriale N°174

Non esitare a contattaci per qualsiasi informazione